Le montagne come parchi faunistici

Anno di pubblicazione: 2006


La diminuzione della biodiversità rappresenta un grande problema ecologico. Contemporaneamente, grazie alla protezione delle specie e degli habitat, alla reintroduzione di animali selvatici e all'abbandono dell'agricoltura, nelle regioni di montagna d'Europa, d'America e dell'Africa sono in aumento le popolazione di grandi animali selvatici. La pubblicazione analizza diversi aspetti di questa situazione paradossale. La reintroduzione dello struzzo nel Massiccio dell'Aïr (Niger) viene ad esempio presentata come opportunità di conciliare l'ecologia con lo sviluppo culturale ed economico regionale. Altri capitoli sono dedicati al ruolo dei mufloni per il turismo e per la gestione venatoria nel Massiccio di Caroux in Francia, oppure presentano una ricerca svedese sull'interesse degli operatori turistici per la presenza dei lupi quale nuova risorsa. Parallelamente si concentra l'attenzione sull'opposizione e sui conflitti generati dall'aumento dei grandi animali selvatici e si mette in evidenza come l'approccio politico oscilli tra un'impostazione ecocentrica e una sociocentrica.

Zoom su

Cover filmPer le farfalle e le salamandre pezzate - Come i Comuni alpini possono mettere in rete gli habitat naturali. DVD. 2012, CIPRA International

 

 

Rimanete informati

rss... con il nostro servizio RSS che vi mantiene sempre informati su pubblicazioni recenti, manifestazioni e attualità. Abbonatevi qui